Pope, Holy Week, State, Israel, Masonic,

Do not let our hope be stolen!
How many wounds are inflicted upon humanity by evil!
Wars, violence, economic conflicts that hit the weakest, greed for money,
Love of power, corruption, divisions,
crimes against human life and against creation!
Our personal sins: our failures in love and respect towards God,
towards our neighbour and towards the whole of creation.
Jesus on the Cross feels the whole weight of the evil,
and with the force of God's love he conquers it,
he defeats it with his resurrection.
Dear friends, we can all conquer the evil that is in us and in the world,
with Christ, with the force of good!
Do we feel weak, inadequate, powerless?
But God is not looking for powerful means,
it is through the Cross that he has conquered evil!
We must not believe the Evil One when he tells us,
you can do nothing to counter violence, corruption, injustice, your sins!
We must never grow accustomed to evil!
With Christ we can transform ourselves and the world.
We must bear the victory of Christ's Cross to everyone everywhere,
we must bear this great love of God.
And this requires all of us not to be afraid to step outside ourselves,
to reach out to others.

Pope Francis

AsiaNews wishes all of our readers a Happy Easter 2013

@ IRAN --- I propose an alliance: 1. you destroy the Sharia, and, 2. I destroy the State of Israel Masonic, 3. then, we make the Kingdom of Persia, or of Palestine, along with Syria, 4. I am your RE. if you accept this covenant, you make it, known, in [italian rUVR ru] because, the [ANSA] THEY are too corrupt .. @ IRAN --- propongo un'alleanza: 1. si distrugge la Sharia, e, 2. I distruggere lo Stato di Israele massonica, 3. allora, facciamo il regno di Persia, o della Palestina, insieme con la Siria, 4. Io sono il vostro RE. se si accetta questo patto, si rendono, noto, in [Italiano rUVR ru], perché, il [ANSA] sono troppo corrotti ..

03/27/2013 13:47
VATICAN
Pope: Holy Week, "stepping outside" of a "tired faith" to reach out to others, especially those most forgotten
First general audience of Francis, dedicated to the beginning of the Easter Triduum. "On the cross, Jesus" loved me and gave himself for me. "Each of us can say, 'He loved me and gave himself for me.' Everyone can say this 'for me'." Appeal for " an immediate halt to the violence and looting, and a political solution to the crisis" engulfing the Central African Republic.

Vatican City (AsiaNews) -  "Stepping outside in search of the lost sheep," "stepping outside of oneself, a tired and routine way of living the faith ", "stepping outside to reach others, especially those who are distant, those who are forgotten, those who are most in need of understanding, consolation, help", "stepping outside with love and tenderness of God " who "never waits", but "always makes the first move".  Living Holy Week by "stepping outside" towards others was the topic to which Pope Francis dedicated his catechesis, partly improvised, for the first general audience of his pontificate, during which he again repeated his "deep gratitude and reverence," for the witness" he is taking up "from the hands of Pope Benedict XVI. "After Easter - he added - we will resume the catechesis of the Year of Faith."
The General audience in St Peter's Square on a sunny day. Again today, the Pope toured among the 20 thousand present in an open topped jeep. There were many flags from around the world. Francis speaks only in Italian: unlike in the past, the synthesis of catechesis and the same greeting to people of different languages ​​are read and translated by the speakers. Also in Spanish, Francis' native language.
"With Palm Sunday - he said - we entered this week - the center of the whole liturgical year - in which we accompany Jesus in His Passion, Death and Resurrection. But what does it mean for us to live Holy Week? What does it means to follow Jesus on His way to the Cross on Calvary and the Resurrection? In His earthly mission, Jesus walked the streets of the Holy Land; He called twelve simple people to remain with Him, to share His journey and continue His mission; He chose them among the people full of faith in the promises of God. He spoke to everyone, without distinction, to the great and the lowly; to the rich young man and the poor widow, the powerful and the weak; He brought the mercy and forgiveness of God to all; He healed, comforted, understood, gave hope, He led all to the presence of God, who is interested in every man and woman, like a good father and a good mother is interested in each child. God did not wait for us to go to Him, but He moved towards us, without calculation, without measures. This is how God is: He is always the first, He moves towards us. Jesus lived the daily realities of most ordinary people: He was moved by the crowd that seemed like a flock without a shepherd, and He cried in front of the suffering of Martha and Mary on the death of their brother Lazarus; He called a tax collector to be His disciple and also suffered the betrayal of a friend. In Christ, God has given us the assurance that He is with us, in our midst. "Foxes", Jesus said, "have dens and birds of the sky have nests, but the Son of Man has nowhere to rest His head" (Mt 8:20). Jesus did not have a home because His house is the people -- that is, us; His mission is to open all God's doors, to be the loving presence of God".
In Holy Week "we live the highest point of this journey, this loving plan that runs throughout the entire history of the relationship between God and humanity. Jesus enters Jerusalem to take the final step, in which His whole live is summarized: He gives Himself totally, He keeps nothing for Himself, not even His life. At the Last Supper, with His friends, He shares the bread and distributes the chalice "for us." The Son of God is offered to us, He consigns His Body and his Blood into our hands to be with us always, to dwell among us. And on the Mount of Olives, as in the trial before Pilate, He puts up no resistance, He gifts Himself: He is the Suffering Servant foretold by Isaiah, who stripped himself unto death".
" Jesus - he said- does not live this love that leads to sacrifice passively or as a fatal destiny; certainly He does not hide His deep human commotion in the face of a violent death, but He entrusts Himself with full confidence to the Father. Jesus voluntarily consigned Himself to death to respond to the love of God the Father, in perfect union with His will, to demonstrate His love for us. On the Cross, Jesus "loved me and gave Himself for me" (Gal 2:20). Each of us can say, "He loved me and gave Himself for me." Everyone can say that "for me". What does this mean for us? It means that this is my, your, our path. Living Holy Week following Jesus not only with the emotions of the heart; living Holy Week following Jesus means learning how to come out of ourselves - as I said on Sunday - to reach out to others, to go to the outskirts of existence, to be the first to move towards our brothers and sisters, especially those who are most distant, those who are forgotten, those who are most in need of understanding, consolation and help. ".
"God - he added -  stepped outside of Himself to come among us, He pitched His tent among us to bring the mercy of God that saves and gives hope. Even if we want to follow Him and stay with Him, we must not be content to remain in the enclosure of the ninety-nine sheep, we have to "step outside", to search for the lost sheep together with Him, the one furthest away". "Some might say to me, "But, Father, I have no time", "I have so many things to do", "it is difficult", "what can I do with my little strength?", with my sin, with so many things? Often we settle for a few prayers, a distracted and inconsistent presence at Sunday Mass, a random act of charity, but we lack this courage to "step outside" to bring Christ. ".
Even Peter " as soon as Jesus speaks of the Passion, Death and Resurrection, of self-giving, of love for all, the Apostle takes him aside and rebukes him. What Jesus says upsets his plans, seems unacceptable, undermines the sense of security that he had built up, his idea of ​​the Messiah. And Jesus looks at the disciples and addresses Peter with perhaps one of the strongest words of the Gospel: "Get behind me, Satan. You are thinking not as God does, but as human beings do"(Mk 8:33). God always thinks with mercy: do not forget this. God always thinks with mercy: our merciful Father. God thinks like a father who awaits the return of his child and goes to meet him, sees him come when he is still far away ... What does this mean? That each and every day he went out to see if his son was coming home. This is our merciful Father. It is the sign that he was waiting for him from the terrace of his house; God thinks like the Samaritan that does not approach the victim to commiserate with him, or look the other way, but to rescue him without asking for anything in return, without asking if he was Jew, if he was pagan, a Samaritan, rich or poor: he does not ask anything. He does not ask these things, he asks for nothing. He goes to his aid: This is how God thinks. God thinks like the shepherd who gives his life to defend and save his sheep.".
"What a pity, so many parishes are closed!".  "Our parishes, movements, associations, must "step outside" towards others, to draw close to them so we can bring the light and joy of our faith". " Always step outside yourself! And with the love and tenderness of God, with respect and patience, knowing that we put our hands, our feet, our hearts, but then it is God who guides them and makes all our actions fruitful!".
The first audience also saw his first appeal dedicated to the Central African Republic, with the assurance of prayers for those suffering and requesting that "an immediate end to the violence and the looting be found as soon as possible and for a political solution to the crisis."

27/03/2013 11:58
VATICANO
Papa: Settimana santa, "uscire" da una "fede stanca" per andare incontro agli altri, soprattutto a quelli più dimenticati
Prima udienza generale di Francesco, dedicata all'inizio del Triduo pasquale. "Sulla croce Gesù «mi ha amato e ha consegnato se stesso per me». Ciascuno di noi può dire: 'Mi ha amato e ha consegnato se stesso per me'. Ciascuno può dire questo 'per me'". Appello perché "cessino immediatamente le volenze ed i saccheggi e si trovi quanto prima una soluzione politica alla crisi" che vive la Repubblica centrafricana.


Città del Vaticano (AsiaNews) - "Uscire alla ricerca della pecorella smarrita", "uscire da se stessi, da un modo di vivere la fede stanco e abitudinario", "uscire incontro agli altri, soprattutto quelli più lontani, quelli che sono dimenticati, quelli che hanno più bisogno di comprensione, di consolazione, di aiuto", "uscire sempre con amore e con la tenerezza di Dio" che "non aspetta", ma "fa sempre il primo passo". Vivere la Settimana santa "uscendo" verso gli altri è l'argomento al quale papa Francesco dedica la catechesi, in parte improvvisata, per la prima udienza generale del suo pontificato, nella quale torna a ripetere che raccoglie "con grande riconoscenza e venerazione" il testimone dalle mani di Benedetto XVI. "Dopo la Pasqua - aggiunge - riprenderemo le catechesi dell'Anno della fede".
Udienza generale in piazza san Pietro, in una giornata di sole. Anche oggi il Papa passa con la jeep scoperta tra i 20mila presenti. Molte bandiere di ogni parte del mondo. Francesco parla solo in italiano: a differenza del passato, le sintesi della catechesi e lo stesso saluto alle persone di diverse lingue vengono letti o tradotti dai lettori. Anche in spagnolo, la lingua madre di Francesco.
"Con la Domenica delle palme - dice - siamo entrati nella Settimana santa. Ma cosa può voler dire vivere la Settimana Santa per noi? Che cosa significa seguire Gesù nel suo cammino sul Calvario verso la Croce e la Risurrezione? Nella sua missione terrena, Gesù ha percorso le strade della Terra Santa; ha chiamato dodici persone semplici perché rimanessero con Lui, condividessero il suo cammino e continuassero la sua missione; le ha scelte tra il popolo pieno di fede nelle promesse di Dio. Ha parlato a tutti, senza distinzione, ai grandi e agli umili, al giovane ricco e alla povera vedova, ai potenti e ai deboli; ha portato la misericordia e il perdono di Dio; ha guarito, consolato, compreso; ha dato speranza; ha portato a tutti la presenza di Dio che si interessa di ogni uomo e ogni donna, come fa un buon padre e una buona madre verso ciascuno dei suoi figli. Dio non ha aspettato che andassimo da Lui, ma è Lui che si è mosso verso di noi, senza calcoli, senza misure. Dio è così: Lui fa sempre il primo, lui si muove verso di noi. Gesù ha vissuto le realtà quotidiane della gente più comune: si è commosso davanti alla folla che sembrava un gregge senza pastore; ha pianto davanti alla sofferenza di Marta e Maria per la morte del fratello Lazzaro; ha chiamato un pubblicano come suo discepolo; ha subito anche il tradimento di un amico. In Lui Dio ci ha dato la certezza che è con noi, in mezzo a noi. «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell'uomo non ha dove posare il capo». Gesù non ha casa perché la sua casa è la gente, siamo noi, la sua missione è aprire a tutti le porte di Dio, essere la presenza di amore di Dio".
Nella Settimana Santa " viviamo il vertice di questo cammino, di questo disegno di amore che percorre tutta la storia dei rapporti tra Dio e l'umanità. Gesù entra in Gerusalemme per compiere l'ultimo passo, in cui riassume tutta la sua esistenza: si dona totalmente, non tiene nulla per sé, neppure la vita. Nell'Ultima Cena, con i suoi amici, condivide il pane e distribuisce il calice per noi. Il Figlio di Dio si offre a noi, consegna nelle nostre mani il suo Corpo e il suo Sangue per essere sempre con noi, per abitare in mezzo a noi. E nell'orto degli Ulivi, come nel processo davanti a Pilato, non oppone resistenza, si dona; è il Servo sofferente preannunciato da Isaia che spoglia se stesso fino alla morte".
"Gesù - ha detto - non vive questo amore che conduce al sacrificio in modo passivo o come un destino fatale; certo non nasconde il suo profondo turbamento umano di fronte alla morte violenta, ma si affida con piena fiducia al Padre. Gesù si è consegnato volontariamente alla morte per corrispondere all'amore di Dio Padre, in perfetta unione con la sua volontà, per dimostrare il suo amore per noi. Sulla croce Gesù «mi ha amato e ha consegnato se stesso per me». Ciascuno di noi può dire: 'Mi ha amato e ha consegnato se stesso per me'. Ciascuno può dire questo 'per me'".
"Che cosa significa tutto questo per noi? Significa che questa è anche la mia, la tua, la nostra strada. Vivere la Settimana Santa seguendo Gesù non solo con la commozione del cuore, vivere la Settimana Santa seguendo Gesù vuol dire imparare ad uscire da noi stessi - come dicevo domenica scorsa - per andare incontro agli altri, per andare verso le periferie dell'esistenza, muoverci noi per primi verso i nostri fratelli e le nostre sorelle, soprattutto quelli più lontani, quelli che sono dimenticati, quelli che hanno più bisogno di comprensione, di consolazione, di aiuto".
"Dio - ha aggiunto - è uscito da se stesso per venire in mezzo a noi, ha posto la sua tenda tra noi per portarci la misericordia di Dio che salva e dona speranza. Anche noi, se vogliamo seguirlo e rimanere con Lui, non dobbiamo accontentarci di restare nel recinto delle 99 pecore, dobbiamo 'uscire', cercare con Lui la pecorella smarrita, quella più lontana". "Qualcuno potrebbe dire: ma padre 'non ho tempo', 'ho tante cose da fare', 'è difficile', 'che cosa posso fare io con le mie poche forze?'". "Spesso ci accontentiamo di qualche preghiera, di una messa domenicale distratta e non costante, di qualche gesto di carità, ma non abbiamo il coraggio di 'uscire' per portare Cristo".
Lo stesso san Pietro "non appena Gesù parla di passione, morte e risurrezione, di dono di se', di amore verso tutti lo prende in disparte e lo rimprovera. Quello che dice Gesù sconvolge i suoi piani, appare inaccettabile, mette in difficoltà le sicurezze che si era costruito, la sua idea di Messia. E Gesù guarda i discepoli e rivolge a Pietro forse una delle parole più dure dei Vangeli: 'Va' dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini'". "Dio pensa sempre con misericordia; Dio pensa come il padre che attende il ritorno del figlio e gli va incontro, lo vede venire quando è ancora lontano, segno che lo aspettava, andava tutti i giorni sulla terrazza della sua casa; Dio pensa come il samaritano che non passa vicino al malcapitato commiserandolo, ma soccorrendolo senza chiedere se è ebreo o samaritano, ricco o povero, senza chiedere nulla in cambio; Dio pensa come il pastore che dona la sua vita per difendere e salvare le pecore".
"Fa pena vedere tante parrocchie chiuse", "parrocchie, movimenti, associazioni" debbono "uscire incontro agli altri". "C'è tanto bisogno di uscire sempre con amore e con la tenerezza di Dio, noi mettiamo i nostri piedi, le nostre mani, il nostro cuore, ma è Dio che li guida. C'è tanto bisogno di portare la presenza viva di Gesù misericordioso e ricco di amore, di portare un raggio del suo amore a quanti incontriamo!".
Alla prima udienza, anche il primo appello, dedicato alla Repubblica centrafricana, con l'assicurazione della preghiera per quanti soffrono e la richiesta che "cessino immediatamente le volenze ed i saccheggi e si trovi quanto prima una soluzione politica alla crisi".


2013/03/27 18:19
圣地
耶路撒冷多个教会呼吁信众为叙利亚祈祷及复活节到圣地朝圣
圣地12位来自天主教、东正教和基督教的宗主教和教会领袖发表复活节文告,邀请世界各地的信众关注所有暴力受害者。耶路撒冷的圣墓大殿是基督之光。要为这个充满虚假偶像的世界,把人从基督的光和福音的真理分隔开来。


耶路撒冷(亚洲新闻) - 复活节即将来临,多个在耶路撒冷的教会呼吁世界各地的信徒,为中东地区的动荡和战争祈祷,并关注叙利亚、黎巴嫩、埃及、伊拉克人民以及所有暴力行为的受害者。
由耶路撒冷的12位来自天主教、东正教和基督教的宗主教和教会领袖,共同发表复活节文告,呼吁基督徒教到圣地朝圣。
文告说:「这片土地已经成为第五福音。圣周六和复活节前夕的圣火,提醒我们和整个世界,复活的主的光,照亮了全世界,即使在地球最黑暗的地方。我们今天的世界充满了假偶像,把人从基督的光和福音真理分开来。」
以下是拉丁礼耶路撒冷宗主教发表的文告:
我们是耶路撒冷教会的宗主教和元首,祝福我们在这地区的信徒以及各地的天主子民,因着复活的主、救主耶稣基督之名。
每年,教会召叫我们庆祝耶稣基督的死亡和复活,透过神圣的仪式和逾越节庆典和聚会。教会在圣地提供独特的经验,就在这里曾经发生过的事件的朝圣土 地。在这里的祈祷、禁食和神圣旅程,使它被称之为圣地,成为了第五本福音。事实上,我们的复活节问候来自这个希望、复活和空墓之城。
作为在耶路撒冷的教会元首,我们呼吁全球所有基督徒前来探视我们的教会,跟随复活的主的脚步,踏上圣地的活石。对于那些不能够到圣地朝圣的人,我们呼吁他们为这片土地的人民祈祷,特别是在整个中东地区,基督徒团体不断萎缩,正面临的生存挑战。
圣周六和复活节前夕的神圣之火提醒我们及整个世界,复活基督的光,照亮了整个世界,即使在地球最黑暗的地方。今天,我们的世界充满了虚假的偶像,把人从基督的光和他的福音真理分隔开来。
在这个信德之母城的基督徒,将继续为复活基督作一灯塔的光,在耶路撒冷,首批门徒见证了空墓。
作为一个复活的见证,教会在圣地敦促有信仰的人,以及在世界各地善心的人,特别是有权威者,在国家之间争取正义与和平。请与我们一起为叙利亚黎巴 嫩、巴勒斯坦与以色列、埃及、伊拉克,以及所有政治动荡的地方祈祷;请为所有受暴力和压迫的受害者祈祷;为囚犯、为那些生活在缺乏安全的人,以及那些流离 失所和难民,特别是在我们的土地上。
愿复活基督的光,照耀整个世界和本地区,愿我们与基督一同复活进入生命得胜。亚肋路亚,基督复活了!他确实复活了。亚肋路亚!



2013/03/27 圣地
耶路撒冷多个教会呼吁信众为叙利亚祈祷及复活节到圣地朝圣
圣地12位来自天主教、东正教和基督教的宗主教和教会领袖发表复活节文告,邀请世界各地的信众关注所有暴力受害者。耶路撒冷的圣墓大殿是基督之光。要为这个充满虚假偶像的世界,把人从基督的光和福音的真理分隔开来。
耶路撒冷(亚洲新闻) - ...

2013/03/27 台湾
台湾大地震,一人罹难19人受伤
这次地震今早发生在南投县仁爱乡,在台湾岛的中央,达到黎克特制六点一级地震。地震在台湾各地都感受到,在首都台北的建筑物摇晃。政府暂停铁路交通,以待检查。
2013/03/26 圣地
耶路撒冷:35,000人为圣地和平祈祷
数万名来自世界各地的信徒,从橄榄山游行至耶路撒冷古城。对于耶路撒冷拉丁礼宗主教,圣枝主日是抗拒一切暴力。朝圣者的人数,比2012年增加一倍。

2013/03/26 中国
继上海死猪案,四川发现一千多只死鸭
四川彭山县河边发现鸭尸:他们已经腐烂不堪。食品经营者担心鸭肉在市场被售卖,也有可能污染饮用水井。中央政府目前对此事沉默,但准许国家媒体报导事件。
2013/03/26 亚洲 - 塞浦路斯
亚洲市场下跌,担心塞浦路斯成为欧债援助的先例
昨天的利好乐观情绪已经转为恐慌。欧盟财长负责人:塞浦路斯是未来援助有需要国家的一个模式。分析员:此举打破银行私人存款不受影响的金科玉律。
2013/03/26 越南 - 中国
中国船舶与越南渔船相撞,河内与北京关系紧张
冲突于3月20日发生,在具争议的南中国海西沙群岛对开水域。越方的船桥着火。河内指事件非常严重,传唤中国大使提出交涉及要求赔偿。至今,北京没有回应。
2013/03/25 南韩 - 梵蒂冈
教宗方济的言行吸引众多南韩人慕道,寻找天主教信仰
by Joseph Yun Li-sun
大田教区首牧对《亚洲新闻》说:「教宗的简朴和魅力吸引了许多人,甚至非基督徒。但对于教宗与本笃十六世呼吁谦虚,信众必须践行。这些是信仰皈化的种子,教会当培养及让它们发芽。」
2013/03/25 中国 - 金砖五国
新兴国家考虑设立合资银行以抗衡西方经济力量
金砖五国:巴西、俄罗斯、印度、中国和南非,在德班举行会议,讨论建立一个新的机构,以挑战(美国为首的)世界银行及(欧洲主导的)国际货币基金。专家指出,此建议为时过早,认为这些国家必须证明他们有能力克服经济危机。
2013/03/25 西藏 - 中国
西藏:24小时内两宗自焚事件
在四子之母亲卡尔姬(Kal Kyi)自焚抗议中共统治西藏案后,又有拉木(Lhamo Kyab)死亡的消息。北京继续拒绝与西藏流亡当局对话或举行圆桌会议。
2013/03/25 亚洲 - 塞浦路斯
援助塞浦路斯方案达成协议, 利好亚洲市场
东京升幅1.7%、香港升0.7%、首尔升1.3%。救市只影响塞浦路斯两间银行,以及存款十万欧元以上的存户要缴付税项。对于国际货币基金组织,存款扣除税率多少,不该由塞國会表决来决定。
2013/03/24 梵蒂冈
【圣枝主日】教宗方济勉励信众:喜乐、十字架、青年。期待巴西普世青年节
教 宗揭开圣周礼仪的序幕。他与群众一起静默和祈祷。喜乐来自我们与耶稣的相遇。他邀请信众不要气馁。基督的十字架洗净人的罪和世界的战争、暴力、经济冲突, 这些影响到软弱者、对金钱贪婪,以及处于权力、腐败、分裂、危害人类生命和破坏大自然的人。他说:「我们绝不能习性邪恶。」他劝勉青年要背负十字架,「向 人宣布耶稣在十字架上,打破了分隔民族和国家之间的仇恨墙壁,并带来和解与和平。」他呼吁青年参加今年在里约热内卢举行的普世青年节。

27/03/2013 10:44
CINA
Per paura di Xi Jinping il Pcc torna alla clandestinità (del lusso)
Il nuovo presidente ha annunciato “tolleranza zero” nei confronti delle tangenti e degli sprechi nei quadri dirigenti del Partito. Ma questi scelgono di continuare a vivere come sempre e trasformano le cantine in ristoranti a 5 stelle. Mentre mandano i capitali “sporchi” all’estero.


Pechino (AsiaNews) - Per evitare la crociata contro il lusso e la corruzione nel Partito comunista lanciata dal nuovo presidente Xi Jinping, i funzionari di alto grado hanno deciso di usare cantine e incontri "segreti" per mantenere il proprio altissimo stile di vita. Inoltre, sempre più tycoon legati alla politica scelgono di mandare all'estero i propri capitali per evitare i controlli dei dipartimenti interni.
La conferma viene dai funzionari di almeno quattro diverse province del Paese. Parlando con il South China Morning Post, uno di loro che proviene dal Fujian spiega: "Le cantine degli edifici pubblici sono state rinnovate per ospitare gli chef dei ristoranti migliori. Ora sembrano più lussuose dei ristoranti a 5 stelle, con sale private e pasti prelibati. In questo modo non c'è bisogno di andare fuori. Questo non succede solo da noi ma in molti altri posti".
Inoltre, come spiega un altro funzionario, "ogni anno riceviamo dal governo centrale un budget relativo alle nostre spese. La cifra è sempre stata molto alta, ma non potendo spendere i soldi fuori era difficile mantenerla alta anche questa volta. Rinnovare gli edifici è una spesa perfetta che verrà rimborsata". Le sale private sono anche perfette per incontrare industriali e affaristi, che usano il Partito - dopo aver versato le tangenti del caso - per ottenere permessi e appalti.
Inoltre, sempre più funzionari di alto grado e industriali cooptati dalla politica stanno mandando all'estero i propri capitali. Dopo l'annuncio di Xi Jinping - che ha dichiarato di voler introdurre l'obbligo della trasparenza finanziaria per i dirigenti comunisti - il volume di denaro spedito all'estero è aumentato del 40 %. Per ora le mete preferite sono Hong Kong e gli Stati Uniti.
Lanciata in campagna elettorale, la "crociata anti-corruzione" del leader della Quinta generazione comunista non ha ancora dei tratti precisi. Il presidente - e Segretario del Pcc - ha più volte avvertito che "non saranno tollerati" scandali e ruberie ai danni del Paese, ma fino a ora non ha messo in piedi un vero sistema di controllo e prevenzione. Diversi esperti nazionali hanno commentato che la campagna "è inutile se non si rispetta lo stato di diritto in tutto il Paese".

@ IRAN --- I propose an alliance: 1. you destroy the Sharia, and, 2. I destroy the State of Israel Masonic, 3. then, we make the Kingdom of Persia, or of Palestine, along with Syria, 4. I am your RE. if you accept this covenant, you make it, known, in [italian rUVR ru] because, the [ANSA] THEY are too corrupt .. @ IRAN --- propongo un'alleanza: 1. si distrugge la Sharia, e, 2. I distruggere lo Stato di Israele massonica, 3. allora, facciamo il regno di Persia, o della Palestina, insieme con la Siria, 4. Io sono il vostro RE. se si accetta questo patto, si rendono, noto, in [Italiano rUVR ru], perché, il [ANSA] sono troppo corrotti ..


05/12/2012 CINA
Per frenare scandali e corruzione, il Pcc vieta fiori e banchetti
di Chen Weijun
30/08/2006 Cina
Cina, comunisti disperati: torna l'Abc per i dirigenti
29/05/2007 CINA
Pena di morte per l’ex direttore dell’Amministrazione cibi e farmaci, condannato per corruzione
06/06/2012 CINA
Tiananmen, piccoli spiragli per una riabilitazione del movimento democratico
23/07/2011 CINA
Tangenti da 1,15 milioni di dollari, condannato a morte ex dirigente cinese

Non lasciamoci rubare la speranza!...
Quante ferite il male infligge all’umanità!
Guerre, violenze, conflitti economici
che colpiscono chi è più debole,
sete di denaro, di potere, corruzione, divisioni,
crimini contro la vita umana e contro il creato!
E i nostri peccati personali: le mancanze di amore
e di rispetto verso Dio, verso il prossimo
e verso l’intera creazione.
Gesù sulla croce sente tutto il peso del male
e con la forza dell’amore di Dio lo vince,
lo sconfigge nella sua risurrezione.
Cari amici, noi tutti possiamo vincere il male
che c’è in noi e nel mondo: con Cristo, con il Bene!
Ci sentiamo deboli, inadeguati, incapaci?
Ma Dio non cerca mezzi potenti:
è con la croce che ha vinto il male!
Non dobbiamo credere al Maligno che ci dice:
non puoi fare nulla contro la violenza,
la corruzione, l’ingiustizia, contro i tuoi peccati!
Non dobbiamo mai abituarci al male!
Con Cristo possiamo trasformare noi stessi e il mondo.
Dobbiamo portare la vittoria della Croce di Cristo
a tutti e dappertutto; portare questo amore grande di Dio.
E questo chiede a tutti noi di non avere paura
di uscire da noi stessi, di andare verso gli altri.

Papa Francesco

AsiaNews augura a tutti gli amici e lettori una buona Pasqua 2013



03/27/2013 17:27
CHINA
Fearing Xi's crackdown, Communist Party goes (lavishly) underground
After the new president announced zero tolerance against bribes and waste in the party leadership, many officials turn canteens into five-star restaurants to maintain their lifestyle. Meanwhile, "dirty" money goes abroad.


Beijing (AsiaNews) - In order to dodge the crusade against the luxury and corruption launched by the Communist Party under newly elected President Xi Jinping, top officials are using canteens for "secret" meetings and live high on the hog. At the same time, more and more politically connected high flyers are sending their money abroad to avoid internal audits.
Officials from four different regions spoke to the South China Morning Post about the trend. In Fujian province for example, many canteens in government departments have been renovated, hiring chefs from the region's finest restaurants.
One official said the renovated canteens were as luxurious as five-star restaurants, with private rooms and fine-dining chefs. This way, there was "no need for officials to go out to dine under the eyes of the public because everything can be done within the government compound".
"Such renovation is not only happening in Fujian, but in many provinces around the country," he added.
Another reason for the underground activity is that if a government bureau fails to spend its entire annual budget it will receive less money the next year. "We can't spend money outside of the bureau, and we can't dine outside," another official said, so renovation was an easy way to make sure the annual budget was used up.
In addition, more and more senior officials and politically connected business people are sending their money abroad.
After Xi Jinping announced greater financial transparency for Communist leaders, the amount of money sent abroad jumped by 40 per cent with Hong Kong and the United States as the most popular destinations.
Launched during his rise to power as the leader of the fifth generation of Communist party leaders, Xi's anti-corruption crusade lacks focus.
As president and party secretary, he warned that scandals and embezzlement would not be tolerated; however, he has not yet set up a system of controls.
In fact, various Chinese experts have warned that the campaign would be useless if it is not based on the rule of law.



06/06/2012 CHINA
Beijing acknowledges "almost 40,000 corrupt Communist officials"
12/05/2012 CHINA
Communist Party bans flowers and fancy food to stop scandals and reign in corruption
by Chen Weijun
01/22/2009 CHINA
Party must give “good example” to avoid social unrest
03/07/2013 CHINA
Boiled corn, not shark fin on today's NPC menu
07/02/2012 CHINA
Xi Jinping's family is into rare earths, real estate and public contracts for a billion dollars